Amici della chiesa di S. Antonio in Capraia

Home » Statuto

Statuto

Atto Costitutivo

AMICI DELLA CHIESA DI  S.ANTONIO IN CAPRAIA

 

Il giorno 10 agosto 2013 si sono riuniti in casa del Sig. Dante Biagetti, via del Semaforo, Capraia Isola (Livorno) i sottoscritti:

Dante Biagetti, cf: BGTDNT40D16C265Q, residente a Bologna, in via D’Azeglio n. 47                                                             

Anna Folli, cf: FLLNNA56L71C816Y ,  residente a Milano, in via S.Orsola n.1                                        

Franco   Maffeis,cf: MFFFNC47S09F205F, residente a Capraia Isola, in via Roma, n.15                                   

Roberto Moresco, cf: MRSRRT40M25D969C, residente a Ginevra, in via Ch. De la Chevillard n.32 

Giuseppe Santeusanio,  cf.  SNTGPP27H06B415B, residente in Livorno, Viale della Libertà n.4 

al fine di costituire l’Associazione “AMICI DELLA CHIESA DI S. ANTONIO IN CAPRAIA” di seguito denominata Associazione.

L’Associazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di promozione dei Beni culturali e di solidarietà sociale, a favore della Comunità presente nell’Isola di Capraia..

Oggetto dell’Associazione è lo svolgimento di attività finalizzate alla tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’interesse artistico e storico di cui alla D.P.R. 42/04, comprese le biblioteche e gli archivi pubblici , presenti in Capraia Isola o ad essa riferibili secondo quanto specificatamente indicato nello Statuto dell’Associazione

I convenuti suddetti, quali soci fondatori,  eleggono all’unanimità:

 

Dante Biagetti Presidente dell’Associazione

Roberto Moresco Tesoriere dell’Associazione

Anna Folli Segretaria dell’Associazione.

 

Il Presidente, dopo approfondità discussione, chiede ai presenti di sottoscrivere lo Statuto dell’Associazione, che viene sottoscritto nella stessa seduta e si allega come parte integrante.

Il presente atto e Statuto verranno registrati secondo le modalità di legge.

 

Capraia Isola, 10 agosto 2013

Il Presidente

Dante Biagetti

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE


AMICI DELLA CHIESA DI  S.ANTONIO IN CAPRAIA

Art. I – Denominazione e soci fondatori
È costituita l’associazione “AMICI DELLA CHIESA DI S.ANTONIO IN CAPRAIA ISOLA”, di seguito L’ Associazione.

L’Associazioneè costituita come“organizzazione no profit”..
I soci fondatori dell’Associazione sono i seguenti:                                                                                     

Dante Biagetti, cf: BGTDNT40D16265, residente a Bologna, in via D’Azeglio n. 47                                                              

Anna Folli, cf: FLLNNA56L71C816Y ,  residente a Milano, in via S.Orsola n.1                                         

Franco   Maffeis,cf: MFFFNC47S09F205F, residente a Capraia Isola, in via Roma, n.15                                  

Roberto Moresco, cf: MRSRRT40M25D969C, residente a Ginevra, in via Ch. De la Chevillard n.32 

Giuseppe Santeusanio,  cf.  SNTGPP27H06B415B residente in Livorno, Viale della Libertà n.4                                                                                              

Art.2 – Sede.
L’Associazione ha sede a Capraia Isola, Livorno in via del Semaforo presso la dimora del socio Biagetti.

Viene realizzato il sito dell’Associazione al fine di pubblicizzare le attività della stessa.

 

Art. 3 – Durata.
La durata dell”Associazione è a tempo indeterminato.

Art.4 – Oggetto.
L’Associazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di promozione dei Beni culturali e di solidarietà sociale, a favore della Comunità presente nell’Isola di Capraia..

Oggetto dell’Associazione è lo svolgimento di attività finalizzate alla tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’interesse artistico e storico di cui alla D.P.R. 42/04, comprese le biblioteche e gli archivi pubblici , presenti in Capraia Isola o ad essa riferibili.

 In relazione ai beni ed alle opere in oggetto l’Associazione può, a mero titolo esemplificativo:
a) effettuare interventi di recupero e restauro;
b) organizzare mostre, dibattiti e convegni;
e) raccogliere documentazione storica, artistica, scientifica, ed effettuare studi specifici, favorendone la divulgazione mediante pubblicazioni.
L’Associazione può inoltre organizzare qualunque iniziativa atta a favorire la raccolta di fondi da destinare alle attività in oggetto.
L’Associazione può partecipare quale socio ad altre associazioni aventi scopi analoghi.

 L’Associazione non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate, ad eccezione di quelle a loro strettamente connesse, quelle accessorie e quelle integrative, nei limiti consentiti dal D. Lgs.460/1997.

Art. 5Fondo di dotazione.
Il fondo di dotazione dell’Associazione, necessario a finanziare la propria attività è costituito da:
a) il fondo di dotazione iniziale, versato dai soci fondatori,
b) le quote associative versate dai soci all‘atto dell’ammissione ed annualmente
c) i contributi dei soci sostenitori,

d) le donazioni ed i lasciti da chiunque corrisposti,
e) i proventi di iniziative attuate o promosse dall’Associazione stessa:
f) le rendite del patrimonio.

 

Art.6 – Associati.
6.1  L’Associazione è libera ed aperta a tutti i soggetti ( persone fisiche, Enti o società) che condividono gli scopi dell’Associazione e accettano lo statuto                                                                                                        

6.2  L’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo, fermo restando il diritto di recesso.

6.3  L’ammissione di un nuovo associato è deliberata dal Consiglio Direttivo, a seguito di richiesta dell’interessato, e si perfeziona con il versamento della quota associativa definita per il primo anno in

 Euro 10 per le persone fisiche ed Euro 50 per le società e gli enti. E successivamente nell’importo stabilito dal Consiglio direttivo.

6.4  Il presidente dovrà riferire all’Assemblea dei soci in merito alle domande eventualmente non accolte e sui motivi del diniego.

6.5 I soci possono essere fondatori, effettivi, onorari e sostenitori. I soci onorari, proposti dal Consiglio, non hanno l’obbligo di versare la quota stabilita annualmente ed hanno diritto ad assistere alle Assemblee dell’Associazione.

6.6 L’Adesione sarà formalizzata attraverso il rilascio di una tessera specifica.

6.7 Al socio che effettui un versamento aggiuntivo a sostegno della singola iniziativa dell’Associazione, nella misura di volta in volta stabilita dal Consiglio Direttivo, sarà consegnata la tessera di socio sostenitore.

6.8  Ogni soggetto che riveste la qualifica di associato alla data dell’ 1 novembre di ogni anno è tenuto a versare la quota associativa annuale per l’esercizio successivo, nella misura fissata dal Consiglio Direttivo.
La quota associativa non è trasmissibile a terzi ne per successione ne per atto tra vivi. La qualità di socio sì perde per esclusione o per recesso.

6.9  L’esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo nel caso in cui l’associato:
a)non rispetti le disposizioni del presente Statuto, dei regolamenti, delle deliberazioni del Consiglio direttivo e dell’Assemblea dei Soci;
b) non versi la quota associativa annua;
c) svolga attività in contrasto o in concorrenza con quelle dell’Associazione.
6.10m Il recesso è consentito in qualsiasi momento ed ha effetto dall’inizio del secondo mese successivo a quello in cui la comunicazione perviene al Consiglio direttivo.
Le quote associative sono a fondo perduto e non sono restituibili in nessun caso.

Art. 7 – Organi.
Sono organi dell’Associazione:
a. l’Assemblea dei soci;
b. il Consiglio Direttivo;
c il Presidente del Consiglio direttivo;
d. il tesoriere.

Art. 8 – Assemblea dei soci.
L’Assemblea è costituita da tutti i SOCI ed è l’organo sovrano dell’Associazione.
In seduta ordinaria l’assemblea delibera:
a) l’approvazione del bilancio predisposto dal Consiglio direttivo:
h) gli indirizzi generali deII’attività dell’Associazione;
c) la nomina dei componenti il Consiglio direttivo;
d) la nomina del Tesoriere;
e) l’approvazione di regolamenti interni;
f) la trattazione di tutti gli altri oggetti sottoposti al suo esame dal Consiglio direttivo.

 In seduta straordinaria l’Assemblea delibera:
a) le modifiche del presente Statuto;
b) lo scioglimento dell‘Associazione, la nomina, la revoca ed i poteri dei liquidatori.

 L’Assemblea si riunisce almeno una volta l’anno, entro 4 mesi dalla chiusura dell’esercizio, per l’approvazione del bilancio.
L’Assemblea è convocata dai Consiglio direttivo, anche dietro richiesta di almeno un terzo dei soci, mediante avviso inviato ai soci  per via Telematica almeno 15 giorni prima di quello fissato per la riunione.
L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio direttivo.
Hanno diritto di intervenire all‘adunanza dell’Assemblea tutti i soci regolarmente iscritti nel Libro soci ed in regola con il pagamento della quota associativa annuale.
Ogni socio ha diritto ad un voto.
Per quanto non previsto nella presente norma valgono le disposizioni degli articoli da 2363 a 2379 Codice civile.

Art. 9 – Consiglio Direttivo.
L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo, composto da un numero di persone determinato dall’Assemblea e variabile da 3 a 5. Possono essere nominati consiglieri solamente i soci  dell’associazione..
Nella sua prima adunanza il Consiglio Direttivo nomina al suo interno un Presidente; può inoltre nominare un Segretario ed un Tesoriere.
Il Presidente rappresenta legalmente l‘Associazione di fronte a terzi e in giudizio, convoca il Consiglio, cura l’esecuzione delle deliberazioni.
Il segretario sostituisce il Presidente in caso di assenza o impedimento e cura la tenuta dei libri dell‘Associazione, il loro aggiornamento o e quant’ altro il consiglio direttivo ritenga volergli delegare.
Il Tesoriere cura I ‘amministrazione del patrimonio dell’ Associazione, provvede ad effettuare incassi e pagamenti e quant’altro il Consiglio ritenga volergli delegare.
.
Il Consiglio può inoltre delegare alcune delle sue attribuzioni ad uno dei suoi componenti.
Il Consiglio dura in carica per 3 anni e scade il 30 giugno del terzo esercizio successivo alla nomina.
I consiglieri sono rieleggibili
Se un consigliere si dimette o viene a mancare, al suo posto è nominato il primo dei non eletti, il quale resterà in carica fino alla scadenza del Consiglio.
Le sedute e le deliberazioni del Consiglio devono risultare da verbale
Per la validità delle deliberazioni sono necessari la presenza della maggioranza dei consiglieri ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Art.10 – Revisore dei conti

L’Assemblea dei soci, qualora lo ritenga opportuno, può nominare un revisore dei conti il quale vigili sulla gestione economico-finanziaria dell’Associazione e controlli la contabilità ed il bilancio.
Il Revisore partecipa di diritto alle adunanze del Consiglio direttivo e dell’Assemblea dei soci.

Art. 11 – Gestione.
L’esercizio si chiude al 31 dicembre di ogni anno.
Il Consiglio Direttivo deve presentare all’Assemblea dei soci il bilancio dell’esercizio entro quattro mesi dalla chiusura dello stesso.
Il bilancio deve restare depositato presso  il sito dell’Associazione nei 15 giorni che precedono l’adunanza dell’Assemblea, a disposizione di tutti i soci.
È vietata la distribuzione, anche nei modi indiretti previsti dall’art. 10 c.6 D.P.R.4/12/1997 n.460, di utili, nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.
Gli utili della gestione devono essere impiegati per la realizzazione delle attività previste dall’oggetto.

Art. 12 – Libri
L’Associazione deve tenere i seguenti libri, vidimati prima di essere posti in uso:
a) il libro di soci;
b) il libro dei verbali delle adunanze dell’Assemblea dei soci;
e) il libro dei verbali delle adunanze del Consiglio in direttivo;
.
Ogni socio può Visionare i libri.

Art. 13 – Scioglimento                                                                                                                                                                   

Lo scioglimento è deliberato a maggioranza dei due terzi dell’Assemblea ordinaria.
All’atto dello scioglimento dell’Associazione, il patrimonio residuo deve essere devoluto ad altre ONLUS o a fini di pubblica utilità.Salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Art.14 – Compromesso per arbitrato.
Qualunque controversia dovesse sorgere in relazione all’interpretazione o attuazione del presente Statuto sarà rimessa ad un arbitro, il quale giudicherà secondo equità e senza formalità di procedura, dando luogo ad arbitrato irrituale. L’arbitro sarà scelto di comune accordo tra le parti ovvero, in assenza di accordo, dal presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Livorno.

 Art.15 – Attività privata degli associati

Non è incompatibile con la condizione di associato l’eventuale attività di ricerca e pubblicazione svolta parallelamente dal singolo o dall’Ente .

Art. 16 – Rinvio
Per quanto non previsto dal presente statuto si fa riferimento alle norme del Codice Civile in materia di associazioni e, in subordine, a quelle in materia di società.

Letto, confermato, sottoscritto in Capraia Isola il 10 agosto 2013

Annunci

2 commenti

  1. silvano panichi ha detto:

    Salve, vorrei iscrivermi all’Associazione, come posso fare, considerando che sono spesso sull’isola?
    Grazie

    • Roberto Moresco ha detto:

      Per iscriversi all’Associazione Amici di S.Antonio è sufficiente compilare il modulo e versare zn minimo di 10 Euro.
      Se va a Capraia può rivolgersi all’agenzia parco in paese. Grazie del suo interesse.
      Cordiali saluti
      Roberto Moresco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: